Verità nascoste: Pamela Bannos

Almond D. Fisk, l’inventore e detentore del brevetto della cassa metallica che porta il suo nome, perse tutto in un incendio del 1850 che bruciò la sua fabbrica. Fisk, che ricevette il brevetto per la bara di ferro nel 1848, morì durante quell’anno dell’incendio. Come dettagliato di seguito, la sua vedova ha ricevuto un sollievo monetario da un atto del Congresso del 1865 che ha riconosciuto il suo diritto ereditario a un’estensione di sette anni del brevetto relativo alle bare di ferro Fisk.
___________________________________________________
1863 Fisk metallic cases

37th Congress, 3rd Session, Rep. Com. Numero 74.
Al Senato degli Stati Uniti.
14 gennaio 1863. Ordinato per essere stampato

Mr. Saulsbury ha fatto il seguente

RAPPORTO
(Per accompagnare bill S. No. 422.)
Phebe Ann Fisk.

Il Comitato per i brevetti, a cui è stata rinviata la petizione di Ann Fisk, esecutore di Almond D. Fisk, pregando per il sollievo, e il disegno di legge che accompagna lo stesso, relazione:

Che appare con evidenza nel caso che il marito della richiedente ha ricevuto un brevetto per il 14 novembre, 1848, come l’inventore di una metallizzato bara, o la sepoltura caso; che, a seguito del rilascio di detto brevetto, e per permettergli di iniziare la produzione di questi casi, ha eretto edifici e forniti macchine a una spesa di oltre $10.000; che nell’autunno del 1849 detto edifici erano in tempo di notte distrutta da un incendio, insieme con quasi tutti i suoi macchinari, strumenti e casi in processo di finitura, che da questa calamità detto di Mandorle D. Fisk ha perso il suo intero capitale, e che per esposizione al momento del fuoco ha preso un forte raffreddore, dagli effetti di cui è morto nel mese di ottobre, 1850, lasciando una vedova, questo richiedente, e quattro bambini neonati.

Che, dopo il suddetto incendio, e prima della morte di detto Almond D. Fisk, ha preso in prestito circa la somma di $15.000 per permettergli di erigere altri edifici e procurarsi altri macchinari ,magazzino, & c., per garantire il pagamento di cui somma ha ipotecato il suo brevetto e gli edifici in corso di erezione, macchinari e magazzino; che, nel mese di settembre, 1850, ha messo i mutuatari in possesso della proprietà ipotecata; che i cessionari dei mutuatari originali ceduto il brevetto e ha ottenuto una riedizione il 6 ° giorno di marzo, 1860, per il resto del termine che ha dovuto eseguire; che, prima della scadenza di detto termine, il creditore applicato al Commissario di Brevetti per l’estensione del brevetto per sette anni, come era al momento che ha emesso il brevetto del 1860, ma questa decisione si è resa solo pochi giorni prima della scadenza del brevetto originale, in modo che il tempo sufficiente non era la sinistra a dare il preavviso di applicazione per l’estensione di tale brevetto originale. E il comitato riferisce inoltre che dalle prove del caso risulta che la suddetta invenzione è stata preziosa per il pubblico e redditizia per i suddetti cessionari, ma che la vedova e i figli del suddetto almond D. Fisk non hanno mai ricevuto alcun beneficio da essa, ad eccezione di una piccola somma come gratuità da detti cessionari.

La commissione pertanto riporta con un emendamento il disegno di legge che in questo caso è stato loro sottoposto e ne raccomanda l’approvazione.

————–
17 Febbraio 1865
Capitolo XL-Un atto per il sollievo degli eredi di Almond D. Fisk, deceduto.

Sia promulgato dal Senato e dalla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d’America nel Congresso riunito, che Phebe Ann Fisk, come esecutore di Almond D. Fisk, defunto, che ha ottenuto un brevetto per un “nuovo e utile miglioramento bare”, datata il quattordicesimo giorno del mese di novembre, diciotto cento e quaranta-otto, per quattordici anni, che è ormai scaduto, essere autorizzata ad applicare il commissario di brevetti per un’estensione di ha detto di brevetto per sette anni, secondo le norme e i regolamenti attualmente in vigore per l’estensione di brevetti, come se avesse fatto domanda prima della sua scadenza, come previsto dalla legge; e il Commissario è diretto a indagare e decidere l’applicazione per estensione, la stessa evidenza e nello stesso modo come altre applicazioni per estensione sono deciso, nonostante l’abbandono e la ristampa di Marzo sesta, diciotto cento e sessanta: a Condizione Che l’istanza di proroga essere effettuata entro trenta giorni dall’approvazione del presente atto, e la decisione del commissario essere reso entro novanta giorni dalla presentazione di detta domanda presso l’ufficio brevetti: E a condizione, inoltre, che nulla nel presente documento sia così interpretato da ritenere responsabile in danni qualsiasi persona che possa aver fabbricato bare contenenti i suddetti miglioramenti tra la scadenza del brevetto e l’approvazione del presente atto.

Approvato, 17 febbraio 1865