Trovato parente a lungo perduto di balene?

Un gruppo di paleontologi ha identificato quello che credono sia il parente più prossimo di balene, delfini e focene-una creatura estinta, di dimensioni procione che scivolava lungo i fondali dei fiumi e avrebbe potuto mangiare come un landlubber. Il ritrovamento promette di dare agli scienziati una migliore idea di dove le balene e il loro genere è venuto da.

Da quando le balene sono apparse per la prima volta, più di 50 milioni di anni fa, la loro origine è rimasta oscura. Si pensa che le balene e i loro cugini cetacei, i delfini e le focene, si siano evoluti da una sorta di mammifero ungulato (ScienceNOW, 30 luglio 1998). Ma i cetacei sono così diversi da qualsiasi altra creatura che i ricercatori non sono stati in grado di concordare quali parenti fossili rappresentino al meglio i loro antenati più vicini.

Un candidato è un gruppo di mammiferi chiamati raoellidi, che sono noti da poco più dei loro denti (ma questi li collocano tra i mammiferi ungulati). I paleontologi guidati da Hans Thewissen del Northeastern Ohio Universities College of Medicine di Rootstown hanno studiato fossili che erano stati raccolti in Kashmir più di 20 anni fa da depositi fluviali di 48 milioni di anni fa e che sono stati recentemente cesellati dalla roccia.

Le ossa appartengono a un raoellide noto come Indohyus, e diverse caratteristiche appena scoperte ora collegano Indohyus strettamente ai cetacei. Ad esempio, Thewissen indica una caratteristica ossea, chiamata involucro, che copre l’orecchio interno. Lo spessore relativo di varie parti dell’involucro è caratteristico di tutti i cetacei moderni e fossili. “Ho avuto questo shock said ho detto,” Questo deve essere ” the il parente più vicino ai cetacei, ricorda Thewissen. Un confronto delle caratteristiche di Indohyus con quelli di altri mammiferi fossili rafforzato tale impressione. Il risultato ha senso per Mark Uhen del Museo Nazionale di Storia Naturale della Smithsonian Institution a Washington, D. C. I raoellidi, dice, sono nel posto giusto-Asia-al momento giusto, circa 50 milioni di anni fa.

Indohyus sembra aver vissuto principalmente in acqua, come un trampoliere. Le ossa degli arti hanno strati esterni spessi, che li rendono densi, come quelli di lamantini, ippopotami e balene precoci, il team riporta 20 November in Nature. La chimica dei denti-relativamente impoverito di isotopi stabile-ossigeno rispetto ai fossili terrestri contemporanei trovati altrove in India-suggerisce anche che Indohyus trascorso molto tempo in acqua. Come il water chevrotain, un erbivoro lungo 80 centimetri che vive in Africa, Indohyus potrebbe aver usato l’acqua come un modo per sfuggire ai predatori. Gli isotopi di carbonio non rivelano la dieta di Indohyus con certezza, ma mostrano che differiva da quella delle prime balene.

“È un lavoro significativo”, dice Zhe-Xi Luo, un paleontologo del Carnegie Museum of Natural History di Pittsburgh, in Pennsylvania. “Questo migliora molto il quadro dell’evoluzione incrementale verso le balene e la loro vita acquatica.”Non tutti sono convinti che Indohyus sia il parente cetaceo più vicino, tuttavia. Un’altra analisi, in press at Cladistics, suggerisce che un gruppo estinto di mammiferi carnivori, chiamati mesonychids, erano più strettamente correlati ai cetacei.